top of page

La Preghiera


Cari Parrocchiani,

il secondo tassello fondamentale della vita cristiana, sul quale nella Quaresima è importante soffermare la propria attenzione, è la preghiera. Gesù nel Vangelo della II domenica di Quaresima di ogni anno ci ricorda cosa significhi pregare. Egli portando i discepoli a contemplare la sua bellezza, grandezza e amore nella Sua gloriosa trasfigurazione sul Tabor riempie i loro cuori di tutto ciò che può saziare la loro fame di felicità.La preghiera è fissare gli occhi su Dio e accogliere la sua luce di Grazia nei nostri cuori. Pregare è come respirare, anzi certamente più necessario. È attingere linfa vitale dalla sorgente della vita. È stare in compagnia di Colui che si è fatto uomo per farsi nostro compagno nel cammino. È lodare, ringraziare, amare, benedire, domandare. La preghiera è semplicemente orientare tutto il nostro essere e agire al Cielo.Ecco perché non c’è Quaresima senza aver raddrizzato la nostra vita di preghiera. La frenesia della vita va rallentata. Il colabrodo del nostro tempo va riparato, perché ci possa essere sempre il giusto spazio per noi stessi e, quindi, per Dio. Chi cerca Dio in realtà sta cercando il senso vero e ultimo del proprio essere. In altre parole, pregare significa fare il proprio interesse. Buona continuazione di Quaresima!


don Pierpaolo Maria Cilla


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page