image-374
261

Chi Siamo

Orari delle Sante Messe

Contatti

26
40
12

News

Orario invernale
Feriali e il Sabato: ore 18:00
Festivi: ore 8:00, 9:30, 11:00

Orario estivo (in vigore dall'ingresso dell'ora legale)
Feriali e il Sabato: ore 19:00
Festivi: ore 7:30, 9:30, 11:00

Parrocchia SS. Annunziata

Borgo Montello - Latina

#parrocchiaborgomontello

#ssannunziata

#borgomontellolatina

News in Parrocchia

Copyright © 2019 Parrocchia SS. Annunziata Borgo Montello (LT) - Ogni diritto riservato

31/01/2019, 16:53



Nella-Casa-del-Padre:-Anna-Maria-Ballarini


 Lunedì 07 Gennaio, si è spenta nella sua casa BALLARINI Anna Maria. «Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà... essi sono nella...



Lunedì 07 Gennaio, si è spenta nella sua casa BALLARINI Anna Maria. «Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà... essi sono nella pace» (Libro della Sapienza 3,1-9). Nella casa del Padre mio vi sono molti posti. Altrimenti, ve l’avrei detto. Io vado a prepararvi un posto (Vangelo di Giovanni 14,1-14) Queste letture della liturgia del giorno del suo funerale parlano di lei, Anna Maria e ci donano una grande serenità nell’anima. Di lei, Anna Maria, potrei scrivere non un libro, ma una collana di libri o dei manuali, perché Lei, Anna Maria, davvero ha vissuto il Vangelo di Gesù con i fatti: e ci insegna la perfezione e la santità. Grazie a te, Anna Maria, per essere stata per tutti un grande dono; In questa sua parrocchia è stata moglie, catechista, ministro dell’Eucarestia, la mamma di tutti. La fede è un dono, ma la misura della nostra fede si prova anche da quanto siamo capaci di comunicarla. Grazie per la tua "onestà e maturità", bella persona di cui ti potevi fidare, a cui potevi confidare le tue cose, i tuoi problemi: non solo trovavi un consiglio, ma un abbraccio vero e sincero, lei non deludeva mai nessuno. "Trasparenza e rettitudine", la coerenza nell’agire con sincerità assoluta con sé stessa e con Dio. L’onesto non teme di essere sorpreso, perché non inganna e il suo volto brilla e parla da sé. L’onesto non spadroneggia mai sulle persone o sulle cose, ma con umiltà, senza mai invadere nessuno, si mette al servizio dell’altro, così come ha fatto Lei. Ricordo che discutevamo o commentavamo la lettera ai Romani, lei che diceva "io sono di Roma come Paolo l’Apostolo, ecco perché mi viene in mente questo passaggio". San Paolo ai Romani (12,3) ci dice: "Per la grazia che mi è stata concessa, io dico a ciascuno di voi: non valutatevi più di quanto è conveniente valutarsi, ma valutatevi in maniera da avere di voi una giusta valutazione, ciascuno secondo la misura di fede che Dio gli ha dato". Gesù ci dice: «Imparate da me, che sono mite e umile di cuore», e lei davvero ha imparato da Gesù (Matteo 11,28-30). Grazie per il tuo rispetto e l’umiltà verso tutti. Grazie per il rispetto, è la dote delle anime nobili e delicate; delle persone che cercano sempre di avere giusta considerazione degli altri, lei sapeva ascoltare attentamente e parlare educatamente. Grazie per la tua umiltà, per la tua concretezza, con i piedi per terra ci insegnavi che non possiamo risolvere tutti i problemi, ma dobbiamo fidarci di Gesù: perché Lui è con te. Lui è nella tua stessa oppressione e angoscia. L’umiltà è la virtù dei santi e delle persone piene di Dio, che più crescono nell’importanza più cresce in loro la consapevolezza di essere nulla e di non poter fare nulla senza la grazia di Dio. Grazie per la tua spiritualità, il tuo cuore e la generosità. Grazie perché ci hai insegnato a pregare con amore e ci hai insegnato l’importanza della preghiera che alimenta il nostro operato, che ci protegge dalla fragilità umana e dalle tentazioni quotidiane, e ci aiuta a servire e amare la Chiesa. Conoscevi tutti i Santi, come Santa Maria Goretti che pregavi ogni giorno. Quando ti incontravo al mattino mi dicevi: "Oggi è il giorno di San, dei santi dei denti Appolonia, degli Avvocati, dei medici, degli studiosi, San Giuseppe da Copertino, quello degli oggetti smarriti Sant’Antonio". Sono sicuro che oggi sei con loro in cielo, e insieme a te cantano Santo, Santo, Santo è il Signore Dio degli eserciti. Grazie per il tuo cuore generoso e la condivisione, che è un grande insegnamento per tutti noi; ci hai insegnato che bisogna condividere tutto, non solo le cose materiali, ma anche sapersi confrontare, scambiare opinioni, sapersi correggere, e la dimensione più alta per te era la Croce, il dono totale di Dio per amore che dobbiamo accogliere, avendo tre cose: fiducia, pazienza, dolcezza. Le potevi dire: "Anna Maria, fa freddo!", lei era capace di togliersi il giubbotto e dartelo. Lei ci hai insegnato che l’amore che è sincero non conosce misura.
La generosità è il mistero della gioia che Lei ha saputo vivere, dice il profeta Isaia (61,3): la generosità «significa procurare agli amici una corona invece della cenere, olio di letizia invece dell’abito di lutto, canto di lode invece di un cuore mesto». In questo cammino di incontro con Gesù, ti affidiamo alla Santissima Vergine Maria, Madre nostra che hai amato, venerato e pregato con l’anima. Solo l’amore ci fa rimanere in piedi davanti alla morte. Perché l’amore non è riempimento del nostro vuoto, ma il compimento. L’amore è l’unica forza che si contrappone a quel vuoto. Ti vogliamo un mondo di bene. Dal cielo prega per noi, grazie a te Anna Maria, che bella persona. Mercoledì 09.01.2019 d. Orlando


1
Create a website